CHI SONO

Un aiuto a cuore, anima e mente per essere ciò che si è, sognando, pensando e ripensando la propria storia.

Sono Margherita Passalacqua, psicologa e psicoterapeuta. Nel mio studio a Milano mi occupo di ripensare insieme a bambini, giovani e adulti le loro esperienze.

Cerco insieme ai miei pazienti di capire cosa li sta facendo soffrire, senza risposte o verità precostituite, ma proponendo delle domande e cercando di rispondervi nel tempo che serve.
Ogni incontro è unico, proprio per questo non c’è una ricetta magica che risolva il problema, ma va trovata una strada adatta, per quella persona, in quel momento.

Il mio approccio al lavoro psicologico

L’importanza del lavoro psicologico non si limita a risolvere un problema specifico, ma diventa una possibilità di rivitalizzare e valorizzare anche altre dimensioni di sé, coltivando e vivendo l’interezza del nostro essere.
Sono presenti in ognuno di noi diverse dimensioni. Riguardano la relazione con noi stessi, la relazione con gli altri, il passato, il presente, il futuro: queste possono gravemente soffrire ed essere toccate dal malessere psicologico. Produrre una maggiore conoscenza di sé con un intervento psicoterapeutico può portarci ad approfondire in modo più compiuto anche tutte le altre dimensioni che ci riguardano.

Per questo cerco di incontrare la persona, non la patologia, avendo rispetto della storia che mi viene portata.

Sono fermamente convinta che questo aspetto e la relazione che si instaura di conseguenza con la persona nell’ambiente in cui si lavora siano il primo fattore di cura.

Tutto quello che succede in terapia è opera di due persone: non è il terapeuta ad avere le verità pronte. Il mio lavoro consiste nell’interrogare la domanda che la persona mi porta e accompagnarla a trovarvi una risposta, la migliore al mondo per quella persona, che è unica.
Si tratta di un percorso affrontato insieme, fianco a fianco.

Per questo cerco di incontrare la persona, non la patologia, avendo rispetto della storia che mi viene portata.

Sono fermamente convinta che questo aspetto e la relazione che si instaura di conseguenza con la persona nell’ambiente in cui si lavora siano il primo fattore di cura.

Tutto quello che succede in terapia è opera di due persone: non è il terapeuta ad avere le verità pronte. Il mio lavoro consiste nell’interrogare la domanda che la persona mi porta e accompagnarla a trovarvi una risposta, la migliore al mondo per quella persona, che è unica.
Si tratta di un percorso affrontato insieme, fianco a fianco.

Presto attenzione alla cura dell’altro, a ciò su cui sente di dover far luce, sia nei suoi aspetti espliciti, quindi proprio quelli che mi chiede e che conosce, sia nei suoi aspetti impliciti e quindi ancora non esplorati né saputi.

 

È un lavoro accessibile, in cui il tempo è un ingrediente necessario e imprescindibile alla cura: tutti possono intraprendere una terapia, mossi da un problema da risolvere, da un malessere, da un desiderio di benessere o dalla voglia di capirsi e conoscersi di più.

Oltre il mio studio privato

Mi occupo di ippoterapia. Qui i miei colleghi sono cavalli, asini e pony che mi sono di grande aiuto laddove per il paziente è difficile esprimere le emozioni a parole o esporsi. Nella relazione con loro, per alcune persone può diventare più semplice raccontare di sé e rielaborare i propri vissuti.

Coordino un Centro Diurno per pazienti gravi a Milano, “Arpa Volontariato”: qui scopro ogni giorno il modo in cui ciascuno può rispondere al dolore nella sua vita e ad alcuni eventi gravi e traumatici. In questo luogo mi occupo di “sopravvissuti alla vita” che proprio per questo, con le loro storie e con il modo che hanno trovato di riraccontarsi, possono insegnare umanamente davvero molto.

Mi occupo di psicoterapia per l’infanzia e l’adolescenza presso l’associazione “La Voce del Bambino” di Saronno. In questa struttura seguo anche il Project Management: scrivo progetti con i quali partecipiamo a bandi per ottenere finanziamenti.

Collaboro nella ricerca e nella formazione con l’Università Cattolica di Milano e Brescia come cultore della materia in Psicologia Dinamica.

Per informazioni puntuali sul mio percorso puoi consultare il mio profilo LinkedIn.

Trova il tuo modo di vivere il mondo, scopri chi sei.